Marouane Fellaini
Marouane Fellaini (©Getty Images)

Alla scoperta di Marouane Fellaini, uno dei talenti più in voga del Belgio ‘superstar’ che andrà alla caccia della vittoria ad Euro 2016 a giugno prossimo. Ultimamente il suo nome è stato accostato al Milan e ad altri club italiani, visto che il suo futuro al Manchester United è sempre più in bilico e farebbe comodissimo per caratteristiche tecniche e caratteriali alla squadra di Sinisa Mihajlovic, bisognosa di un mediano di alto livello capace di difendere ed attaccare alla stessa maniera.

La Gazzetta dello Sport di oggi ha svelato la storia di Fellaini, figlio d’arte visto che il padre Abdellatif, nativo di Tangeri, era promettente portiere in Marocco, fuggito in Belgio per via della guerra. La carriera del giovane Marouane inizia nell’Anderlecht da bambino, passando poi per le giovanili del Mons, del Royal Francs Borains e infine dello Charleroi. Il salto di qualità glielo consente lo Standard Liegi grazie al tecnico talent-scout Johan Boskamp, abile a far esordire in prima squadra Fellaini e il connazionale Axel Witsel, entrambe future stelle del calcio belga.

Nel 2008, a soli 21 anni, conquistò un posto da titolare nello Standard e stupì persino Zinedine Zidane, presente a visionarlo dal vivo durante un match dei playoff di campionato. “Com’è bravo questo spilungone” – ammise Zizou che fu colpito dalle qualità eccelse di Fellaini. Non aveva ancora la chioma afro, che spuntò durante la permanenza all’Everton, in onore delle sue radici nordafricane. Oggi, a sette anni di distanza, è leader della propria Nazionale e sogna di alzare un trofeo continentale. E chissà, magari lo farà in futuro con la maglia del Milan.

 

Redazione MilanLive.it