Antonio Conte
Antonio Conte (©Getty Images)

Roma contro Milan, un tempo sfida per palati fini, come quel match del gennaio 2009 quando allo stadio Olimpico fu parata di stelle; il gioco spettacolare di Totti e compagni contro il Milan dei ‘Palloni d’oro’, da Kakà a Beckham passando per Maldini e Ronaldinho. Quella di domani sera invece si prospetta come una gara della speranza, tra due club in caduta libera, dai progetti fallimentari e bisognosi di nuove idee per ripartire. Occhi già all’estate per entrambe le società, che quasi certamente cambieranno la guida tecnica da qui a giugno prossimo.

La Gazzetta dello Sport di oggi parla di un duello non solo in campo tra giallorossi e rossoneri; le due squadre si daranno battaglia anche per uno degli allenatori più in voga del momento, Antonio Conte, ct azzurro attuale che intende lasciare l’incarico federale dopo la fine di Euro 2016. L’ex juventino fa gola alle due società, le quali lo considerano uomo ideale per rilanciare una piazza prestigiosa e decaduta. Ma occhio alla concorrenza della Premier League che attrae non poco l’allenatore leccese.

In alternativa, altro nome in comune, è quello di Luciano Spalletti; a Roma ha già allenato e tornerebbe di corsa vista l’accoglienza del pubblico che lo ricorda per i tre trofei vinti. Il Milan lo segue a distanza da anni, da quando ha cominciato a parlare di congedo dallo Zenit San Pietroburgo. Ora è libero di firmare con chi vuole, altro mister di lusso senza occupazione. Ma non c’è da sottovalutare le candidature di Eusebio Di Francesco, tecnico giovane ed in rampa di lancio, e del veterano Marcello Lippi che non resterebbe però solo come traghettatore.

 

Redazione MilanLive.it