Marina Berlusconi (getty images)
Marina Berlusconi (getty images)

Sono giorni caldissimi per la cessione del 48% delle quote del Milan alla cordata guidata da Bee Taechaubol. In giornata, una delegazione di uomini Fininvest partirà per la Cina per incontrare il thailandese e magari fare dei passi avanti nella trattativa, che si è un po’ bloccata nelle ultime settimane. I tifosi del Milan sperano che l’affare possa andare in porto in tempi brevissimi, così da avere capitale fresco da investire sul calciomercato. Ma davvero questi fondi verranno utilizzati per rinforzare la squadra?

L’edizione odierna de La Repubblica ha analizzato la situazione. E’ probabile che una buona parte del capitale servirà principalmente per risanare la condizione finanziaria interna di Fininvest, la quale possiede ovviamente il 99% delle azioni. A capo della società c’è Marina Berlusconi, che da 5-6 anni ha ridotto il budget per il mercato di Adriano Galliani. E’ stata Marina stessa a ricordare che bisogna rientrare di almeno 150 milioni, che sono stati spesi nell’ultimo anno fra le la costosa campagna acquisti estiva e per l’aumento di capitale, necessario per ripianare la perdita record da novanta milioni dell’ultimo bilancio. Non è ancora chiaro se il restante dei 480 milioni o meno verrà reinvestito realmente per comprare dei nuovi calciatori.

 

Redazione MilanLive.it