Kevin Prince Boateng
Kevin Prince Boateng (©Getty Images)

Altro esperimento tattico fallito per il Milan, ma non per colpa di Cristian Brocchi che arrivato da neanche due settimane in panchina non può far altro che andare a tentativi, assemblare una squadra decente volta per volta anche per capire su chi puntare per il concitato finale di stagione.

Evidentemente, come scrive la Gazzetta dello Sport, non su Kevin Prince Boateng, il centrocampista ghanese che ha sprecato in maniera netta la chance regalatagli da mister Brocchi, il quale lo ha scelto senza troppi dubbi per esprimersi sulla trequarti, alle spalle del tandem d’attacco Bacca-Balotelli. Il match di giovedì sera ha mostrato un ‘Boa’ assolutamente indietro di condizione e colpevole di un atteggiamento indolente, mai al centro del gioco, un calciatore insomma lontanissimo parente dell’esuberante e talentuoso trequartista visto nel Milan di Massimiliano Allegri dal 2010 in poi.

Ecco perché in vista di Verona-Milan si cambierà ancora; Boateng bocciato, Giacomo Bonaventura sembra la scelta ideale per interpretare quel ruolo, anche se contro la Sampdoria ha dimostrato di andarsi a cercare gli spazi più esternamente. Jeremy Menez fisicamente non garantisce prove a lungo termine e l’unico che resta da provare è Keisuke Honda, abbandonato al suo destino nelle ultime gare. La soluzione potrebbe essere un cambio di modulo deciso, passando al 4-3-3 e rinunciando al fantasista. La palla passa a Brocchi e alle sue intuizioni.

 

Redazione MilanLive.it