Daniele Ciofani
L’esultanza di Daniele Ciofani (Getty Images)

La Gazzetta dello Sport ha interpellato i fratelli Daniel e Matteo Ciofani, anime del Frosinone, squadra oggi pomeriggio ospite del Milan per la 36.a giornata di campionato. Due veri leader, uno centravanti e capitano l’altro terzino di esperienza, che sono esplosi con la maglia dei ciociari ma con una passione comune: il Milan, squadra del cuore per entrambi e per tutta la famiglia Ciofani.

Daniel, attaccante che ha segnato all’andata nel 4-2 rossonero al ‘Matusa’, ha parlato di come si è innamorato dei diavoli da bambino: “Con i colori rossoneri è nata la mia passione per il calcio, è la prima squadra che ho visto giocare, Van Basten il primo modello da imitare. Ricordo soprattutto il 4-0 in finale di Champions contro il Barcellona: mio padre abbracciò me dopo l’1-0, mio fratello al raddoppio, mia madre per il 3-0 e infine al gol di Desailly ci abbracciammo tutti. Un ricordo stupendo“.

Il fratello Matteo Ciofani, non sicuro del posto da titolare oggi pomeriggio, è più attuale nei pensieri da milanista: “Ho ricordi magnifici del Milan quando ero più piccolo, la finale contro la Juventus vinta ai rigori del 2003 per esempio, ma ricordo bene anche la clamorosa sconfitta di Istanbul con il Liverpool. Quando giocavo in Lega Pro sognavo di essere in campo a San Siro e sfidare il mio Milan. Oggi spero di essere titolare, possiamo anche vincere, abbiamo l’obbligo di onorare la maglia e l’impegno“.

 

Redazione MilanLive.it