Barbara Berlusconi e Adriano Galliani (foto dal web)
Barbara Berlusconi e Adriano Galliani (foto dal web)

Il Milan parla sempre più il cinese; dopo la firma dell’accordo di esclusiva con la cordata guidata dal gruppo Evergrande, il club rossonero non può far altro che attendere le sorti dal punto di vista societario ed economico, che dipenderanno dalla due diligence che verrà compiuta già nei prossimi giorni e dai tecnicismi legali che dovranno risolvere i due studi interessati e chiamati in causa, ovvero Chiomenti e Ripa di Meana.

Ma secondo Carlo Festa, redattore e blogger de Il Sole 24 Ore, in casa Milan si prospetta uno stravolgimento sia nella governance che nel reparto dirigenziale. E’ sempre più a rischio il dupolio, mai troppo riuscito in realtà, tra Adriano Galliani e Barbara Berlusconi, due amministratori delegati che non sono mai stati in grado di collaborare fianco a fianco, per l’appunto senza produrre grossi risultati negli ultimi anni nei rispettivi campi di interesse.

Lady B in particolar modo sarebbe vicina ad un allontanamento dal suo ruolo, visto che a parte il rinnovo di contratto di sponsorizzazione con Emirates non ha portato a casa alcun ‘colpo’ milionario nel settore marketing, che invece i cinesi vorrebbero sfruttare appieno grazie all’ottima visibilità che il marchio Milan detiene da sempre in estremo oriente. Il clima dunque non è dei migliori, come in ogni fine di era calcistica.

 

Redazione MilanLive.it