Christian Abbiati
Christian Abbiati (©Getty Images)

Ha salutato tra l’affetto dei compagni e dei tifosi il calcio giocato sabato scorso, ma non sarà un addio definitivo al Milan quello di Christian Abbiati. Il portiere ha utilizzato parole piuttosto crude per spiegare la decisione di appendere i guantoni al chiodo nonostante la proposta di restare come secondo portiere anche nella stagione ventura: “Smetto perché è troppo tempo che il Milan non riesce a tornare ad alti livelli“.

Un saluto dunque che però, come scrive Tuttosport quest’oggi, potrebbe essere solo un arrivederci. Lo stesso Abbiati ha ammesso che dopo la fine della stagione, dunque dopo il match di Coppa Italia contro la Juventus, avrebbe discusso con Adriano Galliani, il quale potrebbe chiedergli di restare come preparatore o collaboratore tecnico. Per il veterano portiere è pronto un ruolo magari all’interno del settore giovanile, oppure al fianco dell’attuale allenatore dei portieri Alfredo Magni, con cui ha instaurato un ottimo rapporto nelle ultime stagioni.

Abbiati deciderà con calma, il suo affetto e legame con il Milan è assolutamente significativo, dunque non dovrebbero esserci problemi o intoppi per un nuovo contratto nello staff. Ma le parole ricche di delusione utilizzate per giustificare il suo ritiro potrebbero anche essere preludio ad un addio definitivo.

 

Redazione MilanLive.it