Cessione Milan, ci siamo: firma fissata per il 7 luglio

Bandiera Cina
Bandiera cinese (©Getty Images)

MILAN NEWS – Arrivano aggiornamenti importantissimi per quanto riguarda la cessione del Milan. Come scritto dal Corriere dello Sport, il prossimo 7 luglio ci sarà la firma sull’accordo preliminare: precedentemente la data era stata fissata all’8 luglio, ma poi hanno deciso di anticiparla per farla coincidere con l’inizio del ritiro a Milanello. Quel giorno ci sarà anche il nuovo allenatore e i nomi sono sempre gli stessi, con Marco Giampaolo attualmente in vantaggio su Frank de Boer e gli altri.

Ma un’altra notizia importante riguarda l’operazione in sé. Fininvest, infatti, ha chiesto e ottenuto di vendere l’80% (non più il 70%) delle quote del Milan al consorzio cinese, poi l’altro 20% passerà in mani orientali nel giro di un anno e mezzo-due. Questo conferma la ferma volontà della holding della famiglia Berlusconi di voler cedere.

In questi ultimi giorni, prima quindi del 7 luglio, le due parti ne approfitteranno per limare gli ultimissimi dettagli. Prima della firma, però, Nicholas Gancikoff volerà a Pechino per presentare il contratto completo alla cordata. Dopo aver ottenuto il loro benestare, si potrà arrivare alla firma dell’accordo preliminare. Dopo, invece, bisognerà attende 45-60 giorni per il closing finale, che dipenderà da tre cose: le importanti penali a causa di inadempimenti, il parere dell’Antitrust e infine quello della FIGC.

Per quanto riguarda il calciomercato, la cessione di Stephan El Shaarawy e l’arrivo di Gianluca Lapadula confermano che il Milan non resterà fermo nel corso di questo periodo. Fininvest e i cinesi stanno trovando un accordo anche per quanto riguarda il saldo negativo in cui far rientrare tutte le operazioni. Per questa prima fase, ovviamente sarà la holding ad operare, poi ci sarà successivamente l’entrata in scena dei compratori. Con la nomina di Gancikoff, intanto, entreranno i primi 100 milioni orientali.

 

Redazione MilanLive.it