Rodrigo Caio e Sherman Cardenas
Rodrigo Caio e Sherman Cardenas (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Il comunicato pubblicato ieri dalla Sino-Europe Sports e fatto circolare dall’advisor della comunicazione Community Group fa ben sperare i tifosi del Milan: è pronto un investimento da parte della cordata cinese fino a 350 milioni di euro nei prossimi tre anni, vale a dire che già nel 2017, tra gennaio e giugno, almeno 150 milioni saranno a disposizione del mercato rossonero.

Una bella notizia per un club che nelle ultime due sessioni non aveva avuto la possibilità di investire cifre importanti, se non puntando su prestiti, colpo low-cost o reinvestendo quei 15 milioni di euro di anticipo della caparra versata poi interamente nella giornata di ieri da Yonghong Li e soci.

Calciomercato Milan, Rodrigo Caio ed un regista i regali di gennaio

C’è dunque grande attesa e curiosità per scoprire come il Milan dei cinesi investirà i primi soldi a disposizione per la sessione di gennaio 2017. I rossoneri in realtà, grazie alle richieste specifiche di mister Vincenzo Montella, hanno ben chiaro cosa serve ancora alla rosa attuale per completarsi. Mancano all’appello un difensore centrale di qualità, da piazzare accanto ad Alessio Romagnoli come titolare per presente e futuro, ed un regista di centrocampo che possa alternarsi con Riccardo Montolivo, senza costringere Montella a trovare soluzioni alternative e forzate (vedesi Sosa provato come play-maker).

Il nome principale secondo Tuttosport sarà quello di Rodrigo Caio per la difesa. Il brasiliano è considerato rinforzo ideale per completare il reparto, un calciatore giovane ma già maturo e leader nel San Paolo e nella Nazionale Olimpica. Ha il passaporto comunitario e con 12-15 milioni di euro si può acquistare senza troppi problemi. Sul regista invece c’è ancora più mistero, tanti i nomi passati al setaccio negli ultimi mesi, anche se la sorpresa potrebbe essere Lucas Biglia, argentino della Lazio che accetterebbe di buon grado il trasferimento a Milano. Ma le trattative concrete si svilupperanno solo da gennaio in poi.

Redazione MilanLive.it