Cessione Milan tra ombre e conferme: 100 milioni dalle Isole Vergini

Silvio Berlusconi, Han Li e Yonghong Li (Photo by XH Sports)

MILAN NEWS – Anche Tortola, la più grande delle Isole Vergini Britanniche, diventa luogo fondamentale e centrale all’interno dell’infinita trattativa per il passaggio di proprietà del Milan. Non c’entra affatto il turismo caraibico e tropicale, bensì questioni più legate al fatto che tale arcipelago sia considerato da sempre un ‘paradiso fiscale’.

E’ di ieri l’indiscrezione di Calcioefinanza.it che svela come la caparra da 100 milioni di euro versata da Sino-Europe Sports alle casse Fininvest come condizione per la proroga per closing provenga da un conto proprio delle Isole Vergini, precisamente dalla società Willy Shine International Holdings Limited, la quale avrebbe prestato a Yonghong Li e soci ben 100 milioni di euro nel mese di dicembre.

La prima spiegazione è la più semplice: le Virgin Islands sono scelte da molti businessmen per la tassazione (molto bassa) e la segretezza (molto alta). Se ne parlò anche nella trattativa tra Erick Thohir e Massimo Moratti: la International Sports Capital, la società dell’indonesiano che controllava l’Inter, era stata costituita da Padnall Enterprises Limited, a sua volta gestita da due trust delle Isole Vergini.

La Gazzetta dello Sport oggi fa chiarezza sul documento da 33 pagine svelato ieri, tra le tante ombre e le poche conferme che circondano l’affare. Come riferimento di di Willy Shine viene citato Ken Chiam, il cui contatto è una mail di Huarong, istituto finanziario legato allo Stato cinese più volte accostato alla trattativa di compravendita del Milan. Proprio questo soggetto avrebbe prestato i soldi a Sino-Europe Sports, pur non facendone parte,. Per tale prestito ha ricevuto in pegno Rossoneri Champions, società costituita e posseduta da Sino-Europe, e altre garanzie legate al patrimonio di Yonghong Li.

C’è da segnalare anche la conferma di Chen Huashan, amministratore diretto della società di Yonghong Li, l’uomo che ha firmato i documenti necessari per il prestito. Ma sarà il presidente di SES a cercare i soldi per chiudere l’acquisto del Milan e a determinare la data del closing. Dalle ultime indiscrezioni, pare che ci sia la volontà di anticipare il closing stesso a febbraio, rispetto alla scadenza del 3 marzo.

 

Redazione MilanLive.it