Dusan Basta e Lucas Ocampos (©getty images)

MILAN NEWS – Ci sono debutti scintillanti, ad esempio quando un calciatore si integra perfettamente in una squadra già rodata e pronta e si trova immediatamente a suo agio. Poi ci sono quegli esordi shock, duri, obbligati, all’interno di una macchina inceppata che non sembra riuscire a camminare normalmente.

La prestazione insufficiente, almeno secondo la Gazzetta dello Sport, di Lucas Ocampos è dipesa infatti soprattutto dal contesto: ieri il Milan si è presentato all’Olimpico contro la Lazio con una squadra incerottata, priva di ben otto titolari, con alcuni elementi dai muscoli fragili e con un passo decisamente più lento e compassato di quello dei rivali biancocelesti. Impossibile per l’argentino riuscire ad emergere in un marasma del genere, anche se qualche piccolissima intuizione di talento si è intravista, soprattutto nel primo tempo.

Il tridente leggero ha fatto fatica in generale ieri sera; Gerard Deulofeu ha faticato a trovare la posizione giusta, mentre Suso per 70′ è stato in balia della pressione di Radu e compagni ed era riuscito a creare pochissimi spunti, per poi lasciar emergere la sua enorme qualità. Ocampos per il momento è rimandato, ma già dalla prossima sfida contro la Fiorentina (il Milan recupererà almeno Gabriel Paletta e Juraj Kucka) si potrà decifrare meglio il reale valore dell’esterno argentino, sul quale Vincenzo Montella punterà molto in futuro. Da rivedere invece la scelta del ‘falso nueve’, visto che lasciare fuori sia Carlos Bacca che Gianluca Lapadula potrebbe apparire come uno schiaffo alla povertà offensiva.

Redazione MilanLive.it