Gerard Deulofeu
Gerard Deulofeu (©Getty Images)

MILAN NEWSGerard Deulofeu in questo momento è uno dei giocatori più importanti a disposizione di Vincenzo Montella. Privato di Giacomo Bonaventura a causa di un infortunio, è soprattutto l’ex Barcellona assieme a Suso a dover essere decisivo nella fase offensiva della squadra.

Se a Bologna la sua prima partita da titolare era stata straordinaria, con tanto di assist-gol a Mario Pasalic, contro la Lazio invece il suo rendimento è stato inferiore. Forse il ruolo da prima punta, rispetto a quello di esterno sinistro occupato al Renato Dall’Ara, non gli si addice ancora. Probabilmente serve tempo per vederlo rendere al meglio in quella posizione, in cui comunque secondo molti può giocare.

A credere in lui è senza dubbio Oscar Garcia Junyent, che a inizio decennio allenava Deulofeu nelle giovanili del Barcellona e che oggi guida il Red Bull Salisburgo. A La Gazzetta dello Sport ha infatti dichiarato: «Gerard attaccante centrale? Sì, può farlo. Per talento, è uno dei tre migliori che io abbia allenato a Barcellona. Se parliamo di uno contro uno, il top mai avuto: meglio di Rafinha, Icardi e tutti gli altri. Certo, la sua partita da falso 9 dipende dalla squadra. Se il Milan crossa dal fondo, è chiaro che Deulofeu non può essere utile. Devono cercarlo palla a terra e dargli spazio per puntare l’avversario diretto».

Il Milan deve giocare in un certo modo per poter sfruttare le caratteristiche del talento spagnolo, questo è chiaro. Sta a Montella capire la formula migliore per valorizzare sia lui che i compagni. Questi mesi per Deulofeu e per tutta la squadra sono importanti, si deciderà molto del loro futuro. Il Diavolo cerca la qualificazione in Europa League, mentre il ragazzo vuole rilanciarsi dopo mesi difficili all’Everton e magari trovare un trasferimento a titolo definitivo lontano da Liverpool.

 

Redazione MilanLive.it