Marina Berlusconi
Marina Berlusconi (©Getty Images)

MILAN NEWS – Nessun dubbio: Fininvest, holding della famiglia Berlusconi che detiene le quote di maggioranza del Milan, vuole vendere il club. Ecco perché nonostante i ritardi e le scarse garanzie mostrate dalla cordata cinese di Yonghong Li e soci, le trattative sembrano ancora in piedi.

Secondo le rivelazioni odierne de La Repubblica sarebbe Marina Berlusconi, primogenita del presidente Silvio e presidente proprio di Fininvest, a spingere con forza e convinzione verso la cessione. Il Milan per la holding di famiglia è divenuto da qualche anno ormai un asset fin troppo costoso, considerate le spese di gestione, i tanti contratti da rivedere ed i mancati introiti degli ultimi anni, anche per l’assenza della squadra rossonera dalle competizioni Uefa.

La Berlusconi dunque, a prescindere dalla buona riuscita dell’affare con SES, vuole cedere le quote del club e avrebbe convinto anche papà Silvio a farlo. L’ipotesi di chiudere negativamente le trattative con i cinesi e tenersi i 200 milioni di caparra stuzzicava il patron rossonero, ma solo l’idea di dover ricapitalizzare un debito stimato per altri 75 milioni del bilancio attuale rende la questione sempre più complessa. Fininvest dunque spinge per la vendita del 99,93% del Milan, e se dovesse andare male con SES si spingerebbe oltre, alla ricerca di nuovi compratori interessati.

 

Redazione MilanLive.it