Gigio Donnarumma tenuto a fatica da Nicola Caccia (©getty images)

MILAN NEWS – Nella coda il Diavolo ha tanto veleno, almeno dopo ieri sera, dopo quel rigore fischiato a tempo scaduto in favore della Juventus che ha decretato il successo bianconero in extremis. Il Milan è nero di rabbia per colpa di una direzione arbitrale non convincente che, francamente, ha orientato l’esito della gara.

Il più arrabbiato è sembrato essere Gianluigi Donnarumma, il più giovane in campo ma anche quello maggiormente ferito dalla decisione del signor Massa di concedere quel maledetto penalty per mani di De Sciglio. La moviola, come scrive la Gazzetta dello Sport, sembra dire che il rigore è assolutamente generoso, il portiere del Milan dopo essere stato il migliore in campo è uscito portato via a fatica da Nicola Caccia, collaboratore tecnico di mister Montella, urlando di tutto: “Non è possibile, sempre loro, sempre loro”. Così come Carlos Bacca, che rischia ora la squalifica per una mezza aggressione a Massa nel finale.

Anche Vincenzo Montella nel post-partita non poteva dichiararsi contento degli ultimi giudizi: “Massa mi ha detto di aver deciso senza l’aiuto di Doveri, ma mi pare sia coperto da tre giocatori. Io dalla panchina non potevo capire, ma questa sera è meno facile accettare il verdetto del campo“. Il tecnico è rimasto infastidito anche dal comportamento degli juventini durante l’incontro: “Ho visto che i loro giocatori durante la partita andavano a rivolgersi costantemente all’arbitro in un certo modo“. Ma con la solita eleganza il mister rossonero è quello pronto maggiormente a dimenticare il k.o. e ricominciare a lavorare.

 

Redazione MilanLive.it