Vincenzo Montella
Vincenzo Montella (©Getty Images)

MILAN NEWSVincenzo Montella è il condottiero di una squadra che probabilmente in questa stagione sta andando oltre le previsioni. Oltre ad aver vinto la Supercoppa Italiana contro la Juventus a Doha, i rossoneri sono tuttora in corsa per l’Europa League. Dopo tre anni senza coppe europee, sarebbe un buon risultato farvi ritorno.

Il 13 aprile è avvenuto il closing della cessione del Milan e ciò può aver influenzato un po’ l’ambiente, considerando che da allora il gruppo non ha più vinto. Dopo il 2-2 del derby, è arrivata la sconfitta a San Siro contro l’Empoli e poi l’1-1 a Crotone. Momento non brillante. Montella al Corriere dello Sport commenta: «Sì, inevitabilmente è successo qualcosa, anche se per gran parte della stagione tutti avevamo garantito la massima attenzione. C’è stato un cambiamento importante, bisogna trovare un nuovo equilibrio. Si tratta di situazioni normalissime, inevitabili».

Nonostante i recenti stop, seppur gravi, l’allenatore rossonero rimane molto tranquillo e fiducioso in vista dei prossimi impegni di campionato contro Roma in casa e Atalanta a Bergamo: «Questo Milan sta tenendo fede a quelle che erano le premesse di questa annata agonistica. La classifica, alla fine, rispecchia quasi sempre i valori di una squadra. Dovremo andare a riprenderci i punti persi nelle prossime due partite per poter chiudere la pratica Europa League. Ultima spiaggia con la Roma? No, siamo sesti e abbiamo ancora un vantaggio di 3 punti»

Soprattutto ai tempi della Fiorentina il mister campano si era fanno apprezzare per la qualità del gioco che sviluppava la squadra viola e per la presenza di un attacco micidiale, cosa che al Milan si è vista meno. Lui spiega tutto così: «Tutta colpa mia. Evidentemente ho curato di più la fase difensiva, visto che ho ricevuto molte critiche in passato per la mia spregiudicatezza in avanti. In realtà il mio obiettivo è sempre stato quello di dare alle mie squadre un modello di gioco vincente, con giocatori funzionali a questo obiettivo. Questa squadra, pur con i suoi difetti, piace al nostro pubblico che dà costante dimostrazione di questo. Io per questo sono orgoglioso di allenare il “mio” Milan».

Con Montella si parla anche di calciomercato Milan e lui non nega che ci sono diversi elementi da confermare. Ovviamente ciò non toglie che servano pure dei rinforzi di qualità che permettano di aumentare il livello generale del gruppo: «Il 1° luglio vorrei rivedere tanti ragazzi che ci sono oggi qui con me a Milanello. Credo che con pochi innesti quelli che ci sono oggi potrebbero fare ancora meglio. Molti dei miei calciatori sono migliorati. La loro volontà e i sacrifici si sono visti, i giovani hanno fatto molto bene. Sono fiero di loro a prescindere dalla posizione in classifica».

Infine l’allenatore rossonero viene interpellato sulla nuova proprietà cinese e sulla nuova dirigenza. A tal proposito si dimostra ottimista per il futuro: «La società sta facendo tutto nella massima accortezza, non è mai cambiato alcun equilibrio. Yonghong Li e Han Li mi ispirano fiducia. Io sono molto sereno».

 

Redazione MilanLive.it