La Roma esulta a San Siro (©getty images)

MILAN NEWS – Il tecnico Vincenzo Montella dopo lo scialbo pareggio di Crotone aveva ammesso: “Quella con la Roma è una gara che si prepara da sola”, alludendo alla forte motivazione che il suo Milan avrebbe messo in campo per il prestigio della sfida di ieri sera.

Invece la 35.a giornata è stata un incubo senza fine per i rossoneri, asfaltati da una Roma che già dopo mezz’ora aveva fatto intendere di essere altamente superiore e mai in difficoltà contro un Milan squilibrato, prevedibile, senza idee. I giallorossi hanno stradominato a centrocampo e punto con particolare qualità in attacco. Ai padroni di casa, come scrive anche la Gazzetta dello Sport, resta il solo Gianluigi Donnarumma, che para il parabile e anche qualcosa in più, respingendo sul palo miracolosamente due botte di Perotti e Nainggolan ma risultando incolpevole sulle 4 reti che umiliano il Milan.

Due livelli completamente diversi in campo: da una parte una Roma ordinata e motivata, con qualità in fase di impostazione e giustamente ancora in corsa per fare uno sgarbo clamoroso alla Juventus. Dall’altra un Milan che risulta essere un paio di categorie sotto ai rivali, un confronto imbarazzante che viene testimoniato pesantemente dall’1-4 finale e dalla super prestazione di Edin Dzeko, non a caso tra i centravanti preferiti del d.s. Mirabelli per il futuro. Insomma un’altra nottata da dimenticare per la San Siro rossonera, a cui ora non resta che sperare in un risveglio indomito nelle ultime tre giornate per centrare l’obiettivo europeo.

 

Redazione MilanLive.it