André Silva, un tuttofare dal ‘killer instinct’ per il nuovo Milan

Andrè Silva
Andrè Silva (©Getty Images)

MILAN NEWS – Chi pensa che il Milan abbia preso ufficialmente ieri un numero 9 classico si sbaglia di grosso. Probabilmente sarà quello il numero sulla sua maglia rossonera, ma André Silva può essere considerato qualcosa di diverso in termini tattici.

Il calciatore portoghese classe ’95, ultimo colpo di mercato dei rossoneri, è in realtà un tuttofare, un attaccante dotato di duttilità e versatilità estreme. L’ex Porto infatti, come riporta anche la Gazzetta dello Sport, in passato ha giocato anche da esterno alto e da seconda punta, per poi trasformarsi in un bomber coi fiocchi, soprattutto dopo l’ultima stagione nel campionato lusitano: 16 reti realizzati, la maggior parte di rapina, da centravanti d’area. Ma come ha ammesso il suo c.t. Fernando Santos, si tratta di un calciatore bravo sia dentro che fuori dall’area, dunque un esempio dell’attaccante moderno e completo.

Questa sua duttilità sarà utilissima a Vincenzo Montella, che ancora non ha chiarito con quale modulo giocherà il suo nuovo Milan: André Silva sarà però utilizzabile sia da prima punta nel 4-3-3, sia accanto ad un altro centravanti in un 3-5-2 o in un 3-4-1-2, moduli che il tecnico milanista sta pensando di attuare già dalla fine dello scorso campionato. Versatilità, concretezza e anche tanta grinta, come dimostra la sua ultima rete in Nazionale contro la Lettonia: pallone rubato sulla trequarti, uno-due con Ronaldo e pallone in buca d’angolo.

 

Redazione MilanLive.it