Retroscena Ocampos: ecco perché il Genoa lo ha ceduto al Milan

Lucas Ocampos
Lucas Ocampos (©getty images)

CALCIOMERCATO MILAN – L’edizione odierna de La Repubblica svela un retroscena riguardante ciò che vi era dietro al trasferimento a gennaio scorso di Lucas Ocampos al Milan. L’esterno argentino era arrivato in prestito secco fino a giugno dal Genoa.

Il calciatore classe ’94 in realtà era di proprietà, come attualmente, dell’Olympique Marsiglia, che durante la sessione estiva di mercato 2016 aveva deciso di cederlo a titolo temporaneo al Genoa, senza l’obbligo di riscatto ma ad una sola condizione: se avesse raggiunto quota 7 reti in campionato i rossoblu avrebbero dovuto pagare circa 12 milioni di euro per tenerlo in rosa anche nelle stagioni venture. Una spesa che la società del presidente Enrico Preziosi non aveva ne’ voglia ne’ possibilità di affrontare, un sacrificio evitato dunque in questo modo.

Il Milan, conoscendo la situazione del Genoa e del possibile riscatto di Ocampos, si è fatto avanti a gennaio. L’argentino aveva già segnato tre reti in campionato e la quota numero 7 si avvicinava pericolosamente, dunque i liguri hanno scelto di ‘sacrificarlo’ girandolo in prestito ai rossoneri. Una situazione ricca di clausole e condizioni pesanti che ha probabilmente minato anche la crescita e l’esplosione di un talento 23enne come l’ex River Plate, che ora sarà costretto a tornare a Marsiglia nonostante non venga considerato un elemento utile alla causa.

 

Redazione MilanLive.it