L’Uefa avverte il Milan: “Nessuna eccezione, il FFP va rispettato”

Logo UEFA
Logo UEFA (©Getty Images)

MILAN NEWS – Dal punto di vista del progetto societario e finanziario il Milan si sente piuttosto tranquillo. Ecco il motivo dei tanti investimenti sul mercato, da quasi 200 milioni di euro, che hanno portato i rossoneri a cambiare volto e spendere come i top club del continente.

Marco Fassone è convinto che l’Uefa accetterà la richieste dal voluntary agreement ad ottobre, ovvero l’auto-denuncia del club all’organismo di Nyon per evitare multe e sanzioni pesanti presentando un piano di rientro nel giro di 3-5 anni. Ma non è tutto così scontato, come racconta Andrea Traverso, responsabile della gestione del tanto temuto Fair Play Finanziario. Il manager, interpellato dalla Gazzetta dello Sport, ha avvertito i dirigenti rossoneri di non dormire sonni tranquilli.

Traverso ha proprio fatto il nome del Milan parlando di ‘nessuna eccezione’ nel controllo sui club: “Il Milan non sarà un eccezione al fair play Uefa perchè nessun club gode di eccezioni, ma il fair play fa i controlli a posteriori. Non possiamo dire cosa fare e cosa no: ognuno è libero, poi ci sono conseguenze. Certo il Milan non può fare quello che vuole: se compra è perché prevede un rientro. Il voluntary è per nuovi azionisti: 4 anni per sistemare i conti invece di 3. Le società devono muoversi sulla strada del risanamento. Se vanno all’opposto, l’Uefa farà le valutazioni. Se non ci sono le condizioni il voluntary può non essere concesso. Non conosciamo i conti nel dettaglio perché trasferimenti andranno a bilancio nel 2018″. 

Il dirigente Uefa ha spiegato anche le differenze tra le due milanesi, con il Milan che sta spendendo molto mentre l’Inter deve controllare le proprie spese: “Capisco sia una situazione difficile da spiegare per le differenze fra Inter e Milan. Ma una, il Milan, non era nelle coppe e quindi non era soggetta al fair play, l’altra, l’Inter, sì. Poi quando ti qualifichi devi rispettare le regole. Il mercato non è finito, le somme si tirano alla fine”.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it