David Han Li
David Han Li (©Getty Images)

MILAN NEWS – E’ lui il vero uomo forte della cordata, o meglio della società cinese che ha acquisito le quote di maggioranza del Milan dopo tanti mesi di transazioni, closing mancati e promesse rispettate con riserva.

Oggi Tuttosport dedica un focus a David Han Li, manager cinese che ha firmato il protocollo di intesa con il governo cinese a Guanghzhou dando il là alla collaborazione tra il nuovo Milan e il vasto paese asiatico, primo step di un progetto socio-finanziario che dovrà portare il brand milanista a livello mondiali. La sua carica all’interno dell’organigramma è quella di direttore esecutivo, come si legge nello statuto del nuovo Milan fin dall’atto d’insediamento dello scorso 14 aprile della proprietà cinese. Han Li tra i compiti a suo carico, avrebbe anche quello di stipulare i contratti di acquisizione o cessione nell’ambito dell’attività sportiva dei diritti alle prestazioni dei calciatori, ma anche per allenatori, tecnici e osservatori. Tutto questo con un tetto massimo di 10 milioni di euro per anno contrattuale ed entro i 20 milioni di limite per ogni altra operazione. Superati questi parametri, sarà necessaria la condivisione di scelta con l’a.d. Marco Fassone.

David Han Li tra l’altro è l’unico componente cinese del CdA Milan ad essere ufficialmente domiciliato in via Aldo Rossi, sede ufficiale del club rossonero, mentre gli altri (Yonghong Li, Lu Bo e Xu Ranshuo) hanno indicato il loro indirizzo di Hong Kong, dove risiedeva il primissimo ufficio della Rossoneri Sports prima del trasferimento formale in Lussemburgo. Grandi poteri dunque per mister Li, anche più del presidente Yonghong che ha vanta solo un ruolo di rappresentanza.

 

Keivan Karimi – Redazione Milanlive.it