Pierino Prati
Pierino Prati (©Getty Images)

A distanza di quasi 50 anni (48 per la precisione) dalla storica finale di Coppa dei Campioni vinta dal Milan contro l’Ajax, il mattatore di quella serata, Pierino Prati, racconta l’emozione di giocare al Santiago Bernabeu e lancia un messaggio agli Azzurri.

Questa sera l’Italia di Gian Piero Ventura sfiderà nel mitico tempio del calcio madrileno, la Spagna nel match valido per le qualificazioni ai Mondiali 2018. Prati, intervistato da La Gazzetta dello Sport, racconta: “Il Bernabeu è uno stadio che ti fa aumentare le energie. Quella finale del ’69 è entrata nella storia del nostro calcio. L’Italia? Deve giocarsela, vediamo se sono più forti di noi. Tanto – conclude l’ex attaccante del Milan – noi ci qualificheremo comunque in modo o in un altro per la coppa del mondo”.

Quel 28 maggio 1969 il Milan alzò al cielo la sua seconda coppa dei campioni: una squadra formidabile, che strapazzò per 4-1 gli olandesi del grande Johan Cruijff. La squadra rossonera, oltre che da bomber Prati, aveva in rosa giocatori del calibro di Giovanni Trapattoni e Gianni Rivera tra gli altri. Senza contare che in panchina c’era un certo Nereo Rocco. Il Bernabeu ha sempre portato fortuna agli italiani, che nell’82 festeggiarono anche la coppa del Mondo. Speriamo che questa sera l’Italia di Bonucci e compagni possa avere la meglio delle Furie Rosse, ipotecando così la qualificazione diretta ai prossimi Mondiali.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it