Alessio Romagnoli
Alessio Romagnoli (©Getty Images)

MILAN NEWS – Pausa di riflessione per Vincenzo Montella dopo un primo blocco di partite. Il tecnico approfitta della sosta per ragionare sui possibili cambi di modulo nelle prossime gare, a partire da Lazio-Milan, in programma subito al rientro.

In questa primissima parte di stagione ha confermato il 4-3-3, che resta comunque una solida base. Ma ora, con il ritorno a pieno regime di Alessio Romagnoli, si concretizza sempre di più l’ipotesi di una difesa a a tre. L’esperimento è stato già provato in occasione del match di ritorno contro lo Shkendija (occasione giusta dopo il 6-0 dell’andata): non è andata benissimo, ma c’erano tantissime assenze importanti, quindi è difficile valutare.

Montella avrà di nuovo Leonardo Bonucci a disposizione a breve perché indisponibile per squalifica per Italia-Israele. Così il tecnico potrà provare per tutta la settimana il nuovo schema e iniziare a mettere le basi d’intesa fra l’ex Juventus, Romagnoli e Mateo Musacchio. I dubbi dell’allenatore del Milan però riguardano altre zone del campo: la difesa a tre favorisce Andrea Conti e Ricardo Rodriguez, che da esterni hanno la possibilità di preoccuparsi meno della fase difensiva perché protetti da tre marcatori, ma uno fra Giacomo Bonaventura e Hakan Calhanoglu è destinato a rimanere fuori dai titolari.

In questo Milan è ormai impossibile escludere Suso, sempre più decisivo (due gol e due assist nelle prime due giornate di campionato). Lo spagnolo potrà giocare da ala destra nel 3-4-3 o da seconda punta nel 3-5-2 in appoggio a Nikola Kalinic. A centrocampo Franck Kessié e Lucas Biglia sono intoccabili: resta quindi soltanto un altro slot da occupare. Bonaventura o Calhanoglu? Finalmente problemi d’abbondanza. Ma pur sempre problemi…

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it