Albertini: “Montella, la squadra gioca male. Esonero? Sembra scontato”

Demetrio Albertini
Demetrio Albertini (©Getty Images)

MILAN NEWS – Il momento dei rossoneri è tutt’altro che positivo. Ieri non è arrivato un risultato positivo contro la Juventus, bensì la quinta sconfitta stagionale.

Demetrio Albertini è tornato a parlare del momento del Milan. Queste le sue parole ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, anzitutto sulle possibilità della squadra rossonera di raggiungere l’obiettivo stagionale di qualificarsi per la prossima Champions League: “Sarà difficile ma nulla è impossibile. Oggi sulla carta ci sono sei squadre per quattro posto, la Juventus e il Napoli sono superiori e restano quattro squadre per due posti. Sono tante le partite che il Milan ha perso con le squadre che sono davanti”.

Un commento sulla partita di ieri dell’ex metronomo rossonero: “Si è vista la differenza di personalità, la Juventus è una squadra consolidata e ha giocatori che singolarmente possono fare la differenza. La partita era complicata, quando pressi e gli altri fanno un buon palleggio diventa deprimente non portare via palla. Si è visto il divario tra le due squadre”.

Infine un commento sul lavoro di Vincenzo Montella. Qualche settimana fa Albertini aveva detto che il tecnico è in discussione solo per i risultati. Oggi il suo commento in tal senso è leggermente diverso, con l’aggiunta che il suo esonero sarebbe un fallimento per tutti: “Bisogna valutare il lavoro al di là del risultato. Cambiare l’allenatore è un fallimento per tutti, la decisione deve essere ponderata. Questa soluzione sembra essere sempre la più scontata. Il Milan non ha dato continuità di gioco“.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it