Unicredit Logo
The Unicredit logo on the Unicredit tower is pictured in Milan (©Getty Images)

NEWS MILAN – Il club rossonero è sicuramente soddisfatto di quanto sta avvenendo sul campo, con la squadra di Gennaro Gattuso che in campionato sta rimontando sulla zona Champions ed è in finale di Coppa Italia. Ma fuori dal rettangolo di gioco ci sono cose da sistemare.

Il Milan, infatti, è impegnato nell’operazione di rifinanziamento del debito con Elliott Management Corporation. Bisogna farcela entro ottobre 2018, altrimenti il club verrà messo nuovamente in vendita per rimborsare il fondo americano. Ci sono 303 milioni di euro, tra Diavolo (123) e controllante Rossoneri Lux (180), più interessi da restituire.

La società di via Aldo Rossi si è affidata all’advisor Merrill Lynch per trovare uno o più soggetti che possano rifinanziare il debito. Oggi il quotidiano La Repubblica scrive testualmente: “L’Ad Fassone conferma che il verdetto da consegnare all’Uefa – rifinanziamento sì o no – arriverà entro metà aprile e non è pessimista. Due le strade: l’emissione di bond o lo spezzettamento, con l’intervento di una decina di fondi e con la novità della garanzia di una o due banche italiane, le cosiddette front bank necessarie per legge: si fa il nome di Unicredit”.

Unicredit, una delle più importanti banche italiane, potrebbe essere coinvolta nell’operazione. Vedremo se nelle prossime settimane ci sarà l’accelerata finale verso il completamento del rifinanziamento. E’ importante anche per presentarsi dall’UEFA a discutere di settlement agreement e progetti futuri con una situazione finanziare meglio definita. Marco Fassone, David Han Li e Yonghong Li contano di farcela entro un mese.

 

Redazione MilanLive.it