Christian Abbiati
Christian Abbiati (foto acmilan.com)

MILAN NEWS – Sono stati mesi molto difficili per il Milan e i suoi tifosi. La stagione era già considerata un intero fallimento. Almeno fin quando non è arrivato Gennaro Gattuso in panchina.

L’allenatore rossonero, dopo un inizio zoppicante, ha messo in fila una lunga serie di risultati positivi, che si è fermata soltanto di fronte all’Arsenal in Europa League. Il Diavolo però è tornato subito a vincere a Genova ed è ancora in corsa per un posto in Champions League. Squadra e società, però, pensano partita dopo partita e non guardano la classifica. Lo ha spiegato Christian Abbiati così a Milan TV: “Abbiamo l’impegno di Londra, poi penseremo al Chievo. Vogliamo concentrarci sulla prossima gara e basta. Da quando ragioniamo così sono arrivati dei risultati”.

Genoa-Milan sembrava destinata a finire sullo 0-0, ma poi André Silva ha segnato il gol della vittoria all’ultimo secondo: “Era un campo difficilissimo. Entrambe le squadre hanno creato occasioni, ma noi siamo rimasti lì e abbiamo meritato di vincere“. Un momento fisico e mentale di grandissimo livello, grazie anche al grande lavoro di Gattuso: “Tutti seguono lui e il suo staff, credo sia una cosa bellissima. La squadra crede nel lavoro che fa e nel gioco che esprime, lo dimostra il fatto che dopo il gol tutta la squadra è andata ad abbracciare André Silva”.

Il tecnico conosce molto bene l’ambiente Milan. In questi mesi, visto l’atteggiamento dei suoi ragazzi, pare sia riuscito a trasmettere questo forte senso di appartenenza: “Gattuso ha il Milan nel sangue. Si vede, vive a Milanello. Io scappo ogni tanto. Lui sta sfruttando al mille per mille l’occasione che ha“. Rispetto a prima, con lui si lavora molto di più: “L’intensità degli allenamenti è impressionante. Proprio oggi gli ho detto che nemmeno quando si vinceva tutto ci si allenava così“.

 

Redazione MilanLive.it