Giacomo Bonaventura Leonardo Bonucci Franck Kessie
La delusione dei rossoneri dopo Milan-Sassuolo (©Getty Images)

Dopo la sconfitta contro la Juventus e il pareggio del derby, il sogno Champions League sembrava lontanissimo. Ma le sconfitte di Roma e Inter nella giornata seguente avevano riaperto lo scenario per il Milan. Purtroppo, però, contro il Sassuolo non è arrivata l’attesa vittoria.

L’1-1 di San Siro è stato molto deludente. Un successo avrebbe portato i rossoneri a 6 punti dalla zona Champions. Invece, la squadra di Gennaro Gattuso rimane a 8 lunghezze di distanza e nella prossima giornata se la deve vedere contro il Napoli a Milano. Una grossa chance sprecata quella contro il Sassuolo. Si poteva e si doveva fare meglio.

Il Milan doveva essere più incisivo in fase offensiva e prestare più attenzione difensivamente. Servono maggiore precisione, velocità e concretezza negli ultimi 20-25 metri. La squadra appare un po’ in calo e in parte ci sta se pensiamo alla grande rincorsa di questi mesi, però serviva dare qualcosa in più e strappare una vittoria che era obbligatoria. Oltre a pagare le fatiche di questo 2018, sicuramente il Diavolo paga anche le poche alternative ai titolari. Gattuso farebbe anche rifiatare i vari Bonaventura e Suso, ad esempio, però mancano i sostituti.

Il mister ha provato a cambiare modulo nel secondo tempo, passando a un inedito 3-3-4. Una scelta risultata sbagliata, come ha ammesso lo stesso Rino. E’ stata creata confusione in una squadra che con la difesa a tre ha già dimostrato di non riuscire a esprimersi al meglio. Gattuso ha sbagliato e lo ha riconosciuto, onesto da parte sua. Ovviamente non è stato solamente il cambio di modulo a generare la mancata vittoria. Come detto in precedenza, i giocatori dovevano dare di più.

Purtroppo il Milan non è ancora una grande squadra capace di sfruttare al meglio le occasioni. Lo sapevamo. E’ cominciato un nuovo progetto con tanti giocatori nuovi, molti dei quali giovani, e il gruppo è cresciuto in questi mesi. Rino ha svolto un grande lavoro e con i giusti rinforzi può proseguire il percorso di crescita cominciato in questa stagione. Speriamo che la società rinforzi nella maniera giusta la squadra. Il Diavolo deve tornare ai vertici.

 

Matteo Bellan