Paul Singer Elliott
Paul Elliott Singer (foto Wikipedia)

NEWS MILAN – Il fondo Elliott Management Corporation conferma il proprio supporto al club rossonero. Ieri nell’assemblea dei soci presso la sede di via Aldo Rossi ciò è stato confermato.

Infatti è stata riscadenziata una parte (15 milioni di euro) dei 54 milioni di uno dei bond sottoscritti dall’hege fund americano a favore del Milan nella primavera 2017. La scadenza, inizialmente fissata per ottobre 2018, è stata spostata a giugno 2019. Il quotidiano Tuttosport spiega che è stato introdotto anche un nuovo meccanismo legato al possibile subentro di Elliott nella fase di aumento di capitale nel caso in cui Yonghong Li venga meno ai propri obblighi.

Marco Fassone ai piccoli azionisti ha spiegato che non ci sono problemi finanziari, gli impegni vengono rispettati e lo saranno anche i programmi previsti dalla società. Il Milan punta a presentare alla proprietà cinese il piano per rifinanziare il debito con il fondo USA entro 30-40 giorni. Il rifinanziamento della parte a carico del club è più semplice, mentre quella che riguarda la controllante Rossoneri Lux richiede più impegno.

Tuttosport scrive che c’è la disponibilità di Elliott a surrogare Yonghong Li anche nel calciomercato. I soldi per investire ci saranno, garantiti dall’hedge fund di Paul Singer. Quest’ultimo non ha interesse che il patrimonio del Milan si svaluti. Cessioni importanti non ci saranno, a meno che non vi siano motivazioni sportive. In entrata verranno presi giocatori di esperienza, per completare e migliorare un organico che ha già diversi giovani a disposizione di mister Gennaro Gattuso.

 

Redazione MilanLive.it