UEFA logo
Logo UEFA (©Getty Images)

NEWS MILAN – Dopo l’udienza di fronte all’Adjudicatory Chamber a Nyon, era attesa la sentenza UEFA con le relative sanzioni per il club rossonero. La più temuta era l’esclusione dalla prossima Europa League.

Il Milan è stato chiamato a rispondere delle violazioni ai parametri di bilancio stabiliti dal Fair Play Finanziario nel triennio 2014-2017, dunque imputabili alla vecchia gestione Berlusconi-Galliani. Ma l’UEFA ha espresso anche dubbi sul futuro del club, dato che c’è un rifinanziamento del debito con Elliott ancora da completare e che la solidità della proprietà cinese rappresentata da Yonghong Li è messa in discussione.

News Milan, ufficiale il verdetto dell’UEFA

In questi minuti è arrivato il comunicato ufficiale dell’UEFA: “La camera giudicante dell’Organo di Controllo Finanziario per Club (CFCB), presieduta da José Narciso da Cunha Rodrigues, ha preso una decisione sul caso AC Milan a seguito del rinvio del responsabile della camera di investigazione CFCB per la violazione delle norme del fair play finanziario, in particolare per la violazione della regola del pareggio di bilancio (break-even rule).

Il club non potrà partecipare alla prossima competizione UEFA per club a cui è qualificata nelle prossime due (2) stagioni (una competizione sola nella stagione 2018/19 o in quella 2019/20, in caso di qualificazione).

Contro questa decisione è possibile presentare ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport, secondo l’Articolo 34(2) del regolamento procedurale che governa l’Organo di Controllo Finanziario per Club UEFA, e secondo gli Articoli 62 e 63 degli Statuti UEFA.

Le motivazioni della decisione verranno pubblicate su UEFA.com a tempo debito”.

 

Il Milan deve scontare un anno di squalifica dalle competizioni europee, dunque non potrebbe partecipare alla prossima Europa League a cui si è qualificato sul campo. Però usiamo il condizionale, perché la società rossonera può fare ricorso (e lo farà) al Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) di Losanna per cercare di ribaltare la sentenza.

 

Redazione MilanLive.it