Massimiliano Mirabelli
Massimiliano Mirabelli (foto AC Milan)

CALCIOMERCATO MILANMassimiliano Mirabelli oggi pomeriggio è intervenuto in conferenza stampa con Gennaro Gattuso per rispondere alle domande dei giornalisti. Tanta curiosità di chiedergli diverse cose su temi sensibili che riguardano lui e il club.

Il direttore sportivo del Milan ha esordito cercando di mostrare ottimismo per la nuova stagione, che comunque inizia con le difficoltà che conosciamo sia a livello societario che di calciomercato: «Dobbiamo pensare positivo. Prima di pensare a quello che faremo, bisogna pensare che abbiamo il gruppo più giovane della Serie A e da quando è arrivato Gattuso siamo giunti terzi. Dobbiamo partire da queste cose, sapendo che c’è una squadra giovane ma con un anno in più di esperienza. A qualche giocatore serviva un po’ di ambientamento. Abbiamo la possibilità di far cominciare questo gruppo dal primo giorno con il metodo di lavoro di Gattuso, non ritrovando le difficoltà iniziali di quando è subentrato. Io sono molto positivo per la prossima stagione. Non dobbiamo guardare a cosa succede sopra, ma solo al campo. Dal primo giorno i giocatori hanno mostrato entusiasmo e nessuno ha chiesto la cessione».

Mirabelli viene interpellato sul fatto che non ci si aspettava un Milan in questa situazione societaria dopo poco più di un anno dal cambio di proprietà: «Nessuno se lo immaginava. Il Milan era abituato a un trentennio… Dopo un anno non se l’aspettava nessuno. E’ normale che si lavorava in maniera più serena e lineare senza tutte queste problematiche. Però noi questo non dobbiamo trasformarlo in alibi per nessuno. Dobbiamo pensare a fare il meglio possibile, pensiamo sempre a progetti importanti».

 

Matteo Bellan