Marco Fassone
Marco Fassone (©Getty Images)

MILAN NEWS – Il Milan è passato ufficialmente nelle mani di Elliott Management Corporation. Finita l’era cinese di Yonghong Li, che non è riuscito a rispettare le scadenze imposte dal contratto con il fondo americano.

A differenza di quanto si pensava, la nuova proprietà ha in mente un progetto a lungo termine per il club rossonero. Che quindi non sarà rivenduto subito, ma forse fra due anni, dopo aver messo a posto i conti e aver ottenuto dei risultati sportivi. Bisogna pensare però al presente e l’appuntamento imminente più importante è quello del 19 luglio a Losanna, quando il TAS si esprimerà in maniera definitiva sulla decisione dell’UEFA di escludere il Milan dalla prossima Europa League.

Come scrive il Corriere della Sera, in Svizzera, insieme a Marco Fassone, potrebbe esserci Tull, dirigente e rappresentante di Elliott. Al mattino si terrà l’udienza, nel pomeriggio il dispositivo della sentenza, senza motivazioni. La prossima sarà quindi una settimana movimentata per il club, ma soprattutto per l’attuale amministratore delegato. Che, come riporta il quotidiano milanese, incontrerà Paul Singer, proprietario e fondatore dell’hedge fund americano. Sarà un’occasione per fare il punto della situazione, sul TAS e non solo. La sua posizione non sembra, per il momento, in bilico.

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it