Milan, spuntano anche Tare e Braida per il dopo-Mirabelli

Igli Tare
Igli Tare (©Getty Images)

MILAN NEWS – Oggi è il giorno designato dell’addio di Massimiliano Mirabelli al Milan. Il direttore sportivo rossonero, in carica da poco più di un anno, lascerà il club dopo l’incontro risolutivo con il presidente Paolo Scaroni.

Mirabelli paga, secondo le ultime indicazioni provenienti da via Aldo Rossi, la vicinanza con l’ormai ex amministratore delegato Marco Fassone ed i tanti soldi investiti lo scorso anno sul mercato estivo, ben 230 milioni di euro, senza però riuscire ad entrare tra le prime quattro squadre della classifica finale. Nonostante Gennaro Gattuso abbia provato a spingere per la conferma di Mirabelli come d.s. e anche nella conferenza stampa americana si sia detto amareggiato per il suo addio, è praticamente certa la separazione consensuale tra le parti.

Intanto il Milan, come riportato oggi dalla Gazzetta dello Sport, studia l’alternativa a Mirabelli, ovvero un nuovo direttore sportivo che possa lavorare in simbiosi con Leonardo, che a breve sarà ufficializzato nel ruolo di direttore tecnico. Il nome più gettonato resta quello di Cristiano Giuntoli, ormai vicino alla rottura con il Napoli, ma di recente sono fuoriuscite due candidature piuttosto particolari: piace Igli Tare, d.s. della Lazio che ha fatto molto bene sul mercato anche con budget non altissimi a disposizione. Ma si parla pure di un ritorno di Ariedo Braida, attuale direttore degli affari esteri del Barcellona. Insieme a quelli di Leonardo e Umberto Gandini (possibile nuovo a.d.) sarebbe un altro ritorno alle origini per il Milan, sulla scia dell’era berlusconiana. Infine la ‘rosea’ parla anche di un possibile ritorno di fiamma per Sean Sogliano, svincolatosi dal Bari e in passato molto vicino ad essere ingaggiato dal Milan.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it