Alen Halilovic
Alen Halilovic (foto AC Milan)

MILAN NEWS – Giunto al Milan in punta di piedi, quasi come un acquisto secondario, il croato Alen Halilovic non ha ancora trovato la propria dimensione con la maglia rossonera.

Il classe ’96, giunto dall’Amburgo dopo la retrocessione della formazione tedesca in seconda divisione, era un pupillo dell’ormai ex direttore sportivo Massimiliano Mirabelli, che in un momento piuttosto critico a livello societario del Milan ha voluto comunque puntare su Halilovic riuscendo a strapparlo a costo zero, nonostante il fondo Elliott Management avesse imposto il blocco delle operazioni in entrata del calciomercato Milan; il talento del 22enne centrocampista offensivo è purissimo, non a caso era finito nella rosa del Barcellona quando era ancora un ragazzino in erba, ma il problema è che Halilovic tra infortuni e un carattere piuttosto schivo, non si è mai confermato ad alti livelli.

Anche in questa fase di preparazione il croato sembra un po’ indietro rispetto ai compagni; non si capisce bene quale sia la sua reale collocazione tattica, con Gennaro Gattuso che lo ha provato sia da mezzala che da esterno offensivo, senza però trovare una soluzione pratica. Oggi Tuttosport scrive di un Gattuso poco convinto di Halilovic, proprio per la difficoltà nel trovargli uno spazio in prima squadra. Contro il Real Madrid in amichevole è rimasto in panchina, segnale del fatto che il Milan non lo considera pronto per giocare con i titolari; lo stesso Halilovic, secondo fonti vicine a Milanello, farebbe fatica ad ambientarsi nel sistema di gioco rossonero. L’unica speranza è che il rapporto con il connazionale Ivan Strinic possa aiutarlo a crescere e superare i problemi iniziali, anche se le premesse non sono proprio positive.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it