Andrea Bertolacci
Andrea Bertolacci (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Davvero strana l’estate 2018 per Andrea Bertolacci, centrocampista di proprietà Milan che ha visto cambiare in maniera rapida e complessa il proprio futuro.

Il mediano classe ’91 è rientrato a giugno dal prestito annuale al Genoa, dove ha ritrovato brillantezza e fiducia dopo le precedenti stagioni in maglia rossonera non così esaltanti. Per settimane si è parlato di Bertolacci come di un esubero, di una pedina da mettere sul mercato in uscita. Il Milan ha trattato la cessione a titolo definitivo con il Genoa, ma non è stato mai trovato l’accordo giusto, soprattutto per via delle pretese contrattuali di Bertolacci che ha detto ‘no’ all’ipotesi di decurtarsi lo stipendio che percepisce attualmente.

Si è dunque palesata l’ipotesi di una cessione ancora in prestito con diritto (o obbligo) di riscatto altrove, ma a quel punto come riportato da Calciomercato.com è intervenuto Gennaro Gattuso in persona, che ha fatto intendere alla sua dirigenza come fosse uno spreco cedere gratis Bertolacci durante la sessione estiva. La condizione è dunque mutata: o arriva un’offerta economica vantaggiosa o il centrocampista romano resta al Milan. Così è stato, visto che Gattuso lo ha elogiato per l’impegno e per l’utilità tattica e in qualche modo lo ha blindato preferendo averlo con se’ in rosa nonostante qualche mugugno esterno.

Ed ora Bertolacci è persino vicino al rinnovo contrattuale con il Milan: il suo accordo attuale scade a giugno 2019 e diventerebbe dunque possibile un suo addio a parametro zero. Per non disperdere tutto l’investimento fatto nel 2015 il Milan potrebbe proporre al calciatore un rinnovo pluriennale, poi starà a Bertolacci far capire al club se vale la pena puntare in futuro su di lui oppure metterlo nuovamente sul mercato il prossimo anno.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it