Gennaro Gattuso
Gennaro Gattuso (©Getty Images)

MILAN NEWS – I fantasmi dalle parti di Milanello sono ormai un’abitudine, quando le cose cominciano a mettersi meno positivamente del previsto.

Lo sa bene Gennaro Gattuso, uno che da queste parti è di casa e che comincia a sentire qualche scricchiolio di troppo. Oggi contro il Sassuolo il suo Milan ha una sola missione: vincere per scacciare ogni tipo di rischio o malalingua che possa disturbare il lavoro dei mister Rino. Ieri in conferenza stampa, Gattuso ha ammesso l’importanza di ritrovare i risultati giusti: “Quando non arrivano la società prende provvedimenti, ma io non posso pensare al fantasma di Conte o di altri, devo continuare a fare il mio lavoro con grande impegno. Le scelte le faccio io e sono il primo responsabile di quello che succede in campo, ma sento la fiducia di tutto l’ambiente, dai giocatori ai dirigenti”.

Come riportato dalla Gazzetta dello Sport in realtà Gattuso si sente protetto in qualche modo da una dirigenza che lo conosce e lo stima profondamente: “Mi fanno sentire a mio agio, semmai sono io ad essere deluso, perché avrei voluto dargli qualche punto in più. Le prestazioni però ci sono, c’è qualche aspetto da migliorare come ad esempio il pressing offensivo che a volte si potrebbe alzare, ma la strada è quella giusta”.

La parola spetta al campo ed oggi Gattuso, oltre ai tre punti, cerca anche risposte dal punto di vista caratteriale, ovvero eliminare quei difetti costanti del suo Milan: “Ci serve tranquillità e sentire la società vicina ci aiuta. Questi ragazzi sono consapevoli di giocare un buon calcio, ma la classifica incide: controllare, produrre 15 palle gol a partita e tornarsene a casa senza vittorie consuma energie fisiche e mentali. Possiamo migliorare ma non siamo una squadra portata a giocare addosso all’uomo”.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it