Paolo Berlusconi
Paolo Berlusconi (©Getty Images)

MILAN NEWS – Il Milan dei ‘cinesi’ è ormai un ricordo lontano rispetto a quello attuale sotto la gestione di Elliott Management, ma se ne parla ancora.

Oggi è stato il turno di Paolo Berlusconi, fratello dello storico premier ed ex presidente rossonero Silvio e dunque piuttosto informato sui fatti che portarono al passaggio di proprietà da Fininvest ai cinesi. Queste le sue parole ai microfoni di TopCalcio24 quest’oggi: “Davvero stana la fuga dei cinesi dal Milan dopo che avevano speso tutti quei soldi per prendere il club da Fininvest. Mio fratello ha avuto molto fair play dando ulteriore tempo a Yonghong Li dopo che quest’ultimo aveva versato in modo sconsiderato la caparra da 200 milioni ed era in ritardo col resto della somma”.

La versione di Berlusconi è piuttosto particolare riguardo a tale fuga: “Secondo me il governo cinese ha cambiato filosofia: ha dato il via alla scalata nel mondo del calcio da parte di imprenditori imprenditori cinesi ma poi Li è stato abbandonato dagli altri imprenditori e si è ritrovato da solo. Chi parla di rientro di capitali non ha capito nulla. Li è scomparso perchè ha perso 500 milioni. Non vorrei essere nei suoi panni, in Cina i creditori non sono molto teneri. Sarebbe stato bello se ci fosse stato il passaggio diretto del Milan da Finivest ad Elliott ma a questo punto meglio così, altrimenti Elliott non si sarebbe avvicinato al Milan”.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it