Patrick Cutrone Gonzalo Higuain
Patrick Cutrone e Gonzalo Higuain(©Getty Images)

MILAN NEWS – Nel momento più delicato della stagione, il Milan risponde presente. E lo fa in tutta onestà: mostrando i propri limiti e i suoi difetti, ma andando comunque oltre se stesso e superando meritatamente 3-2 un’insidiosa Sampdoria.

C’è la conferma definitiva: il 4-4-2 funziona. Come sottolinea però La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, va usato con più equilibrio. Ossia: linee più strette e aiuto a Lucas Biglia e Frank Kessié, altrimenti diventa difficile fermare la sequenza di gol incassati. Perché con questo nuovo schieramento tattico, ciò che il Diavolo guadagna in avanti con i grandi fraseggi tra Gonzalo Higuain e Patrick Cutrone lo perde a poi centrocampo.

Strepitosa la prestazione del giovane attaccante rossonero, finalmente titolare. Un goal, un assist e un continuo moto perpetuo in campo. Resta puntuale accanto al Pipita, ma all’occorrenza contrasta anche le ripartenze blucerchiate e riempie l’area quando il l’argentino arretra. L’intesa tra i due funziona e alla grande come dimostra anche l’azione del 2-2. C’è poi Suso, temibilissimo anche partendo da posizione più arretrata e autore della perla del 3-2. Quando lo spagnolo avanza, lo fa in sincronia con Diego Laxalt formando quindi un 4-2-4. Così, è inevitabile che un trequartista come Riccardo Saponara trovi spazio. Adesso sono 15 le partite consecutive con reti a carico, la prima volta in assoluto dal 1946. Ma ieri più che mai serviva unicamente una vittoria attraverso una prestazione di carattere. E seppur con le sue carenze, la squadra l’ha data. Gennaro Gattuso si libera di un peso e può finalmente sorridere.

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it