Gonzalo Higuain
Gonzalo Higuain (©Getty Images)

MILAN NEWS – Sarà Gonzalo Higuain contro Cristiano Ronaldo stasera allo stadio San Siro. Milan-Juventus, quindi, sarà un piccolissimo derby personale per Ramon Calderon. L’ex presidente del Real Madrid, che tra il 2006 e il 2009 portò entrambi ai blancos, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport oggi in edicola.

L’ex patron ricorda l’arrivo del Pipita ai galácticos: “Lo prendemmo insieme a Gago e a Marcelo per una cifra che ora con i prezzi assurdi che circolano può sembrare ridicola: 9 milioni di euro. Io non lo conoscevo però Franco Baldini e Pedja Mijatovic mi assicurarono che sarebbe diventato un grande giocatore, e non si sbagliavano. Il Madrid da Gonzalo ha avuto tantissimi gol e poi l’ha venduto bene”.

L’ex numero uno del club madrileno non nasconde lo stupore: “Mi sorprese in pieno, perché arrivò da noi quando aveva appena compiuto 18 anni e s’inserì subito bene, cosa non scontata. Fabio Capello non riteneva compatibile Ronaldo, il Fenomeno, con Ruud van Nistelrooy, mi convinse a cederlo al Milan in gennaio e Higuain ebbe più spazio, contribuendo in maniera importante alla grande rimonta sul Barcellona che ci portò alla vittoria della Liga all’ultimo respiro. Segnò un gol importantissimo nel derby con l’Atletico e uno decisivo nel 4-3 all’Espanyol nell’incandescente finale di stagione. Poi progredì al meglio negli anni successivi, con noi crebbe tantissimo”. 

Per tutti gli aggiornamenti sulle news MilanCLICCA QUI!

Il suo mandato finì sul più bello, non potendo attuare ciò che davvero era nei piani: “La nostra idea era quella di formare un attacco con Robben, Higuain e Ronaldo, però Perez aveva altre idee. Prese Benzema e da lì cominciò una convivenza che ha terminato col logorare Higuain, che alla lunga ha deciso di andar via perché avvertiva che non aveva spazio. E mi dispiace, perché in Italia con Napoli e Juventus ha fatto bene in Serie A ma meno in Europa”.

Il rimpianto è quello di non aver visto in azione il tandem con l’argentino e CR7, poiché quest’ultimo fu contrattato sotto la sua gestione ma arrivò solo mesi dopo l’addio: “Impiegai quasi due anni per prenderlo. Era legatissimo allo United, e lo United a lui. Alla fine mi diede il suo sì però nell’agosto del 2008 quando eravamo a Bogotà per un’amichevole mi chiamò e mi chiese di farlo restare un altro anno a Manchester, per un debito di riconoscenza nei confronti del club e di Sir Alex Ferguson. Acconsentii e in dicembre firmammo il contratto per l’estate successiva”. Infine un parere sul big match di stasera: “La registrerò e la guarderò dopo, perché è in contemporanea a Celta-Real Madrid. Spero che Higuain e Ronaldo segnino entrambi, e che vinca il migliore”. 

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it