Logo UEFA
Logo UEFA (©Getty Images)

NEWS MILAN – Milan-UEFA, forse non è finita qui. Perché nonostante una sentenza dura ma non proprio severissima, Elliott Management Corporation comunque sta valutando un nuovo sorprendente ricorso al TAS.

Come infatti riferisce l’edizione odierna di Tuttosport, in realtà il fondo statunitense ha già dato mandato ai suoi legali di analizzare a fondo il dispositivo contenente i provvedimenti emanati. Ciò che Elliott vuole comprendere, è se sia possibile ripresentarsi davanti al Tribunale Arbitrale dello Sport appellandosi nuovamente all’iniquità di una sentenza che, di fatto, obbliga il Diavolo a rientrare nel break-even al termine della stagione 2020-21.

Per restare aggiornato sulle ultime news MilanCLICCA QUI!

Secondo spifferi da Londra – si legge sul quotidiano – la proprietà riterrebbe insufficiente il tempo concesso per rientrare nei parametri previsti dal Fair Play Finanziario, basando proprio su questo aspetto il suo ricorso. Così come appare strana la parte relativa ai famigerati 30 milioni di tolleranza. La famiglia Singer non vuole lasciare nulla al caso, e sono note le sue battaglie legali anche in altri ambiti per arrivare a ciò che ritiene giusto. Nei prossimi giorni quindi, alla fine dell’analisi che il pool di legali sta facendo, si capirà qualcosa di più sull’eventuale ritorno del club rossonero a Losanna.

 

Redazione MilanLive.it

MilanLive.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre ultime notizie seguici qui: MilanLive.it