Gattuso: “Milan, voliamo basso. Dobbiamo leggere meglio le partite”

Gennaro Gattuso
Rino Gattuso (©Getty Images)

NEWS MILAN – Questa sera contro il Sassuolo, il Milan ha sofferto tanto, tantissimo, ma l’importante era conquistare i tre punti. La vittoria è arrivata grazie ad un autogol di Lirola, poi troppo spazio e campo concessi ai neroverdi.

Nel post-partita Gattuso ha parlato a Sky Sport. Successivamente ha partecipato alla conferenza stampa davanti ai giornalisti presenti a San Siro. “Siamo contenti, ci teniamo la classifica. Ci sono ancora tanti punti a disposizione. Fase difensiva bene, ma a livello qualitativo dobbiamo fare molto molto di più. Con prestazioni così, più avanti, non si vince. Ci godiamo il momento, ringraziamo i tifosi e voliamo bassi. Capire come migliorare l’involuzione offensiva, sta a me e al mio staff. Non riusciamo a creare bene con le catene. Bakayoko fa troppi tocchi, e se mettiamo tutte queste cose insieme vengono fuori prestazioni non buone davanti. Io ho già in mente cosa fare, ma dobbiamo capirlo tutti”.

Sul sorpasso sull’Inter in classifica: “Dobbiamo viverla meglio, come viviamo la fase difensiva e stare lì una giornata senza subire. Nella quotidianità io e i miei giocatori siamo giovani, dobbiamo viverla meglio. Non studiamo solo noi gli avversari, dobbiamo capire come sviluppare in maniera diversa. La viviamo con apprensione, e perdiamo energie. Bisogna avere la consapevolezza che in questo periodo ci sta andando bene”.

Così come alla vigilia, anche questa sera gli è stato chiesto del paragone con Nereo Rocco per l’atteggiamento difensivo della squadra. Questa la risposta di Gattuso: “Tranne Kessié, che mi assomiglia a livello di caratteristiche, non faccio giocare solo incontristi a centrocampo. La prima cosa che ho detto è che a livello tecnico serve qualcosa di più. Io sono orgoglioso del paragone con Rocco. Io penso che, attraverso l’organizzazione, si possano fare bene entrambe le fasi”.

Sulla gestione del momento: “Dobbiamo imparare meglio a gestire certe situazioni. I nostri tifosi avevano grande entusiasmo, ma per noi poteva diventare una pressione se non stiamo attenti. La classifica ci mette pressione, perché non possiamo permetterci mai di sbagliare”. 

Una battuta ai microfoni di Milan TV, Gattuso si è soffermato sui movimenti dei centrocampisti, in particolare su Tiémoué Bakayoko: “Dobbiamo essere bravi a capire i nostri avversari, perché Bakayoko lo conoscono e viene sempre pressato con veemenza da un avversario. Non sentiamoci belli, e non pensiamo che ‘tanto non subiamo gol’ e poi un gol lo facciamo. Non è questo che dobbiamo pensare. Continuare a lavorare e pensare partita dopo partita”. Il mister ha concesso 2 giorni di riposo a tutta la squadra: si tornerà a lavorare a Milanello per preparare Chievo-Milan nella giornata di martedì.

 

Giacomo Giuffrida – Redazione MilanLive.it