Home Milan News MF – Milan, bilancio 2018-2019: passivo da 70-80 milioni

MF – Milan, bilancio 2018-2019: passivo da 70-80 milioni

Casa Milan
Casa Milan (foto Twitter)

NEWS MILAN – La missione della nuova proprietà e del nuovo management è rendere il club rossonero ancora vincente e sistemare il bilancio. Le gestioni precedenti hanno lasciato in eredità ad Elliott Management Corporation conti pesantemente negativi.

La famiglia Singer ha affidato ad un manager esperto come Ivan Gazidis il ruolo di amministratore delegato. Reduce dalla buona esperienza all’Arsenal, il dirigente sudafricano ha il compito di migliorare la situazione insieme ai suoi collaboratori. Ma il suo lavoro deve, ovviamente, essere trainato dai risultati sportivi. Per aumentare i ricavi, è fondamentale tornare in Champions League. Il Milan in questa stagione sta lottando per qualificarsi e raggiungendo l’obiettivo può avere una svolta. Tra premi UEFA e nuovi sponsor il fatturato subirebbe un’impennata decisiva.

-> Per seguire tutti gli aggiornamenti sulle ultime news MilanLEGGI QUI.

News Milan, il passivo del bilancio 2018/2019

Dopo aver chiuso il bilancio 2017/2018 con un passivo record da 126 milioni di euro, al termine di giugno si chiuderà anche l’esercizio 2018/2019. Il quotidiano Milano Finanza rivela che il nuovo passivo può essere compreso tra i 70 e gli 80 milioni, dunque molto alto. Ma potrebbe diminuire nel caso in cui il Milan riuscisse, entro il 30 giugno, a mettere a segno delle plusvalenze importanti. Cosa fatta in questi anni, ad esempio, da Inter e Roma.

I conti del club rossonero sono nel mirino della UEFA, che già a dicembre 2018 aveva comunicato le prime sanzioni. Da via Aldo Rossi era stato annunciato il ricorso al TAS di Losanna, ma per adesso non è stata fissata alcuna udienza. Recentemente c’è stato il deferimento del caso Milan dalla Corte Investigativa a quella d’Appello per quanto concerne il periodo 2015-2018. Rimane da capire cosa succederà. Paolo Maldini ha già detto che la società ha le proprie armi per fronteggiare la situazione. Le parti sono in contatto, l’obiettivo è ottenere una maggiore flessibilità da Nyon per quanto concerne la possibilità di investire e la tempistica di rientro nei parametri del Fair Play Finanziario.

 

Redazione MilanLive.it