Arsene Wenger Arsenal
Arsène Wenger (©Getty Images)

NEWS MILAN – La Champions League si allontana. Con la vittoria dell’Atalanta di oggi, il Milan scivola dal quarto al settimo posto. L’avventura di Gennaro Gattuso si chiuderà in ogni caso a fine stagione. La società ragiona sul possibile sostituto.

In passato si è parlato spesso di Arsene Wenger, libero da tutto l’anno dopo l’indimenticabile e lunghissima esperienza all’Arsenal. Ad Elliott Management piace perché è un profilo internazionale, di grande esperienza e soprattutto di infinite conoscenze. Una personalità molto forte, che sicuramente darebbe una scossa all’ambiente e porterebbe aria di novità. Nel corso di questi mesi è stato accostato a molte squadre: al Paris SaintGermain come direttore sportivo, poi alla Nazionale del Qatar. Lui ha espresso più volte il desiderio di tornare in panchina, ma preferirebbe un club piuttosto che una selezione. Ma l’idea Milan è molto complicata.

Milan, Wenger opzione poco probabile

Wenger è un’opzione difficile per la società di via Aldo Rossi e il motivo è molto chiaro. Come confermato anche dalla giornalista Claudia Garcia, il tecnico francese e Ivan Gazidis non si sono lasciati benissimo all’Arsenal. Anzi, proprio l’amministratore delegato attuale dei rossoneri avrebbe spinto per il suo addio (sostituito poi da Unai Emery, altro allenatore spesso accostato al ‘Diavolo’). Insomma, un rapporto tutt’altro che idilliaco. Ecco perché ad oggi l’ex Gunner non appare un’opzione possibile. Ovviamente da qui alle prossime settimane tutto può cambiare: se Leonardo e Paolo Maldini saranno convinti di lui, si proverà a convincere il dirigente sudafricano. Ma al momento però Wenger non sembra essere una priorità del duo milanista. Il sogno dei tifosi è sempre Antonio Conte, che sembra già promesso sposo della Roma – ma mai dire mai. Maurizio Sarri vuole rimanere in Premier League. Poi due opzioni italiane: Marco Giampaolo ed Eusebio Di Francesco. Chiaramente la scelta dipenderà molto dagli obiettivi che raggiungerà la squadra. Al momento, si spera almeno nell’Europa League.

 

Redazione MilanLive.it