CorSport – Pochettino, addio Tottenham: ma richiesta d’ingaggio shock

pochettino mauricio tottenham
Mauricio Pochettino (©Getty Images)

NEWS MILANMauricio Pochettino ha già fatto intendere di poter lasciare il Tottenham ed è ambito da più club. Ha fatto un grande lavoro a Londra in questi anni e la finale di Champions League rappresenta la ciliegina sulla torta.

Le ultime dichiarazioni dell’allenatore argentino sul proprio futuro sono eloquenti: «Domanda difficile. Dovrò parlare con il presidente. Prima avremo un momento importante per tutti noi come la finale di Champions League, in seguito potremo sederci ad un tavolo. Dopo cinque anni potrebbe chiudersi un capitolo. A luglio, quando partirà la preparazione, non sarà più lo stesso». Pochettino probabilmente sente di aver dato tutto e che sia giunto il momento di cercare nuovi stimoli.

-> Per seguire tutti gli aggiornamenti sulle ultime news MilanLEGGI QUI.

In Italia il suo nome è stato accostato in primis al Milan, dato che l’amministratore delegato Ivan Gazidis lo stima molto. Tuttavia, il club rossonero non parte in pole position. Senza qualificazione Champions League può non essere una destinazione ambita da allenatori di alto spessore come l’argentino. Ma questo non è l’unico ostacolo ad un suo approdo a Milanello o alla Juventus, altra società che lo ha messo nel mirino in Serie A.

Intatti, il Corriere dello Sport rivela che il mister del Tottenham ha un’elevata pretesa economica. Pochettino vuole circa 20 milioni di euro all’anno di ingaggio. Una cifra altissima, la stessa che percepisce Pep Guardiola nel Manchester City. La Juventus ha avviato dei contatti tramite alcuni intermediari e sta riflettendo, visto che l’argentino pretende quasi il triplo dello stipendio attuale (7,5 milioni) di Massimiliano Allegri. Quest’ultimo, come Gennaro Gattuso, rimane in bilico e forse solamente a fine campionato sapremo cosa succederà. Il condottiero degli Spurs fa gola a tanti. Attenzione anche a Bayern Monaco, Barcellona e Paris Saint-Germain. Tutto può succedere.

 

Redazione MilanLive.it