Tuttosport – Calhanoglu, gran finale e poi addio Milan

Hakan Calhanoglu
Hakan Calhanoglu (©Getty Images)

CALCIOMERCATO MILAN – Lasciarsi nel migliore dei modi: è questo l’augurio del Milan e di Hakan Calhanoglu. Perché il numero 10 rossonero, fedelissimo di Gennaro Gattuso, è inevitabilmente destinato all’addio – rivela Tuttosport – data la partenza a fine stagione del tecnico calabrese.

Magari con il traguardo della Champions League, l’epilogo perfetto per tutti per poi intraprendere ognuno il proprio percorso. Così la speranza è che il turco, seppur con grave ritardo, possa ripetere il finale dello scorso campionato, quando da aprile in poi trascinò il Diavolo in Europa League con 3 goal e 4 assist.

>> Per seguire tutti gli aggiornamenti sul calciomercato MilanCLICCA QUI <<

Calciomercato Milan, Calhanoglu può essere sacrificato in estate

Con o senza l’Europa che conta, Elliott Management Corporation sarà infatti chiamato a dei sacrifici in virtù del fair play finanziario. E l’ex Bayer Leverkusen, considerando il rendimento mediocre di questa stagione, è uno dei principali candidati. Ma anche perché Calhanoglu, che ha ancora mercato in Germania, nonostante tutto, potrebbe portare pure una buona plusvalenza in virtù dei soli 25 anni. Un suo rush finale positivo sarebbe prezioso anche in tal senso, ossia nel rivalutarsi leggermente dopo una stagione amara con tre soli goal all’attivo. Dudelange, Atalanta e Fiorentina: pochi ma buoni, verrebbe da dire, se non fosse per le innumerevoli prestazioni insufficienti.

A Firenze ha ritrovato la rete di testa, giocando da centrocampista, ruolo che ricoprirà anche contro Frosinone e Spal in virtù della squalifica di Lucas Paquetá. A Bergamo invece, lo scorso 16 febbraio, tornò ad esultare con un destro chirurgico dalla distanza. La gioia del goal in campionato 272 giorni dopo. Fino a quel momento – ricorda il quotidiano – era stato uno dei peggiori anche in virtù di alcuni problemi extracalcistici che lo condizionavano, cioè la crisi coniugale e il rischio di separazione con la compagna. Piano piano però la situazionesi è ricomposta, con i due che poi sono diventati anche genitori della piccola Liya. Il gol alla Dea e la nascita della prima figlia sembrava il binomio perfetto per il rilancio definitivo, ma anche da lì Calhanoglu ha faticato a carburare. Il qualsiasi ruolo e in qualsiasi modulo. Perché a prescindere dalla variante tattica, Gattuso ha sempre puntato su di lui, difendendolo a spada tratta fino ad evitarne la cessione a gennaio. E proprio questo legame, in parallelo a una stagione ovviamente deludente, sarà motivo di un probabile addio alla fine dei giochi.

 

 

Redazione MilanLive.it