Home Milan News Gazidis rivoluziona il Milan: Leonardo-Gattuso in bilico, Maldini resta

Gazidis rivoluziona il Milan: Leonardo-Gattuso in bilico, Maldini resta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:32
paolo maldini leonardo ivan gazidis atalanta milan
Paolo Maldini, Leonardo e Ivan Gazidis (©Getty Images)

NEWS MILAN – Rivoluzione Milan. Nell’attuale e dispersivo oceano di dubbi, è questa l’unica certezza in casa Diavolo. Perché con o senza la Champions League, nulla eviterà il ribaltone in programma sul fronte rossonero.

>> Per seguire tutti gli aggiornamenti sulle news MilanCLICCA QUI <<

Come infatti riferisce La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, sarà un nuovo Milan. Diverso, rinnovato e con l’amministratore delegato Ivan Gazidis al comando. Il percorso è già tracciato: sarà una squadra di tanti giovani talenti, un modo per ridurre le spese della ricostruzione e per restare in linea col disegno Uefa del Fair Play Finanziario. Sarà quindi un mercato orientato sulle nuove promesse del calcio, e per scovarle servirà una figura specifica. Un direttore sportivo con abilità da talent scout. Un profilo che sembrerebbe già avere un nome e un cognome nella mente del dirigente rossonero: Luis Campos, attuale Ds del Lille ed ex Monaco. Nonché lo scopritore di Kylian Mbappé, Thomas Lemar, Fabinho, Bernardo Silva e Tiémoué Bakayoko tanto per citarne qualcuno. Il tutto perché Leonardo è destinato all’addio. In caso di mancato quarto posto – assicura il quotidiano –  le possibilità si avvicinano infatti al cento per cento.

Non dovrebbe avere la stessa sorte Paolo Maldini, il quale non è destinato a seguire il suo compagno d’avventura. In mezzo ai tanti probabili cambiamenti, l’intento di Elliott Management Corporation è mantenere anche un’identità riconoscibile. E Maldini ne è la rappresentazione più profonda. La qualifica attuale, «direttore sviluppo strategico area sport», al massimo potrebbe essere semplificata in un impegno operativo e di rappresentanza. Per quanto riguarda la panchina, servirà un profilo adatto alla filosofia che si intende attuare a partire dal prossimo campionato. Un istruttore che impartisca lezioni di gioco nonché una figura in cui i giovani possano identificarsi. Perché nonostante le quotazioni leggermente in rialzo per Gennaro Gattuso, le possibilità di avvicendamento in panchina restano molto superiori al 50 per cento. Un’uscita che costerebbe 4 milioni netti alla proprietà statunitense, lo stipendio dei prossimi due anni di contratto, a meno che l’idea Newcastle non si concretizzi davvero.

 

 

Redazione MilanLive.it