SPAL-Milan (©getty Images)

MILAN NEWS – Non c’è tempo per rabbia e rimorsi. All’indomani dell’amara vittoria di Ferrara, il Milan di Elliott Management Corporation è già a lavoro nell’intento di una ricostruzione rapida ed efficace per riportare il club ai fasti di un tempo.

Tuttavia, senza gli introiti della Champions League, qualcosa cambierà di certo. Così – riferisce il Corriere della Sera oggi in edicola – all’orizzonte c’è l’alba di un nuovo Milan improntato sulla politica dei giovani. Una filosofia che sarebbe stata adottata comunque, anche in caso di 4° posto finale, ma che verrà considerata soprattutto adesso, senza l’Europa che conta per il sesto anno consecutivo.

>> Per seguire tutti gli aggiornamenti sul calciomercato MilanCLICCA QUI <<

Calciomercato Milan, Donnarumma-Suso possibili sacrificati

Sarà rivoluzione quindi in via Aldo Rossi. Ribaltone che quasi sicuramente partirà dal Dt Leonardo, il quale potrebbe annunciare l’addio già stesso in giornata. E con lui potrebbe salutare anche Paolo Maldini: non per volere della società, ma per decisione diretta dell’ex capitano che ha lavorato a stretto contatto col brasiliano e ce potrebbe decidere di non proseguire con un nuovo Ds, soprattutto nel caso in cui gli venissero affidati compiti di sola rappresentanza. C’è poi il rebus panchina, tra la conferma o meno di Gennaro Gattuso: le sue quotazioni sono anche in rialzo, ma nulla è certo e sullo sfondo c’è sempre Leonardo Jardim, l’alternativa più concreta, che potrebbe arrivare insieme a Luis Campos ormai già pronto.

Per quanto riguarda il campo, la società proverà a monetizzare con diversi giocatori ma servirà anche qualche sacrificio di spessore. E gli indiziati – riferisce il CorSera – sono soprattutto Gianluigi Donnarumma e Suso, i quali potrebbero portare rispettivamente mega plusvalenze per 60 e 40 milioni di euro. Cash che al Milan, alle prese col fair play finanziario dell’Uefa, servirebbe dannatamente. Soprattutto dopo l’all in di gennaio.

 

 

Redazione MilanLive.it