Milan, i comandamenti di Gazidis: Champions, ricavi e giovani

Maldini e Gazidis
Paolo Maldini e Ivan Gazidis (©Getty Images)

MILAN NEWS – E’ iniziata ufficialmente la missione dell’Ad Ivan Gazidis. Un percorso con una meta ben precisa, il tutto attraverso tre tappe determinanti: l’aspetto economico, la qualità della squadra e la questione stadio determinante per l’exploit del marchio Milan.

>> Per seguire tutti gli aggiornamenti sulle news MilanCLICCA QUI <<

Ivan ‘il terribile’, intanto è stato ribattezzato così sui social network. Perché per indirizzare il Diavolo verso la direzione voluta ha dovuto dar via a una rivoluzione concretizzatasi in parte ieri con gli addii di Leonardo e Gennaro Gattuso. Ma questa è stato solo l’ultima di una serie di mosse che hanno già dato un’impronta chiara all’interno della società di Via Aldo Rossi. Giunto ufficialmente il 1° dicembre scorso, superando la candidatura di Umberto Gandini, spinge da subito per una squadra giovane e di prospettiva, bocciando i piani dell’ex Dt che aveva prenotato Zlatan Ibrahimovic per gennaio, mentre avvalla le operazioni per Krzysztof Piatek e Lucas Paquetá, pur consapevole di indispettire la UEFA. È l’uomo a cui Elliott Management Corporation ha affidato il compito di portare avanti un progetto sostenibile contemporaneamente sotto il profilo sportivo e finanziario. La linea è perciò quella di insistere, complice anche l’esigenza di risanare i bilanci, su profili under 24, non affermati, e da valorizzare. Ciò però non significa che le porte ai giocatori di esperienza siano totalmente chiuse, ma dovranno essere chiaramente funzionali al progetto.

Se con Leonardo il rapporto è stato dettato dalla difficile convivenza, visto che il brasiliano chiedeva maggior margine di autonomia operativa, la relazione con Gattuso è stata invece affettuosa. Durante i marosi della stagione, infatti, l’amministratore delegato ha difeso Rino a più riprese quando i risultati erano altalenanti. Il piano, ora, è di generare plusvalenze, visto che Elliott Management Corporation – riferisce il CorSera – terrà il Milan per una finestra temporale di 3-5 anni. E Gazidis – rivela ancora il quotidiano – oltre a uno stipendio da 4 milioni, incasserà anche una percentuale dalla rivalutazione del patrimonio.

 

 

Redazione MilanLive.it