Milan, i dubbi di Maldini sul ruolo da direttore tecnico

Paolo Maldini
Paolo Maldini (©Getty Images)

MILAN NEWS – I dubbi di Paolo Maldini. Perché nonostante la controproposta comunque avanzata a Ivan Gazidis – rivela Tuttosport – sono diverse le perplessità che accompagnano l’attuale direttore sviluppo strategico area sport.

>> Per seguire tutti gli aggiornamenti sulle news MilanCLICCA QUI <<

L’ex storico capitano, infatti, da una parte è parecchio intrigato ma dall’altra teme lo scenario. In particolare – rivela il quotidiano – sono due gli aspetti che lo spingono a particolari riflessioni: in primis il fatto che non si ritenga un dirigente di movimento che va in giro per il mondo a trovare talenti o a firmare contratti, e poi il rischio di diventare, volontariamente o involontariamente, un parafulmine della società. Un cuscinetto, qualcuno che rappresenti comunque il vecchio Milan per tenere a bada le proteste e le contestazioni. Un volto importante che faccia da garante più che altro, una richiesta simile a quella ricevuta e rifiutata in passato da Marco Fassone e YonghongLi.

In tutto ciò, infatti, è ormai evidente che le prossime saranno stagioni di grande sofferenza sul piano economico. L’obiettivo è rientrare immediatamente nei paletti del fair play finanziario, e quindi urge una riduzione del monte ingaggi, bisognerà incassare dalla cessione di più giocatori e individuare giovani ancora non affermati, con l’obiettivo di future plusvalenze, ma con tutti i rischi del caso. Maldini, quindi, sarebbe disposto ad andare avanti solo nel caso in cui Elliott accettasse le condizioni avanzate, il che lo vedrebbe circondato da uomini di fiducia e dalla grande preparazione con i quali, forse, varrebbe la pena provarci.

 

 

Redazione MilanLive.it