UEFA-Milan, i rossoneri valutano il ricorso d’urgenza al TAS

TAS Losanna
Sede del TAS di Losanna (©Getty Images)

MILAN NEWS – Ancora una volta l’estate rossonera sarà condizionata da tribunali, corti d’appello e ricorsi giudiziari, proprio come un anno fa.

Il Milan è pressato dal contenzioso con l’UEFA per colpa di un Fair Play Finanziario mal rispettato nelle ultime stagioni e dunque è in attesa di capire quale saranno le sanzioni e le restrizioni previste dalla commissione di Nyon.

>> Per seguire tutti gli aggiornamenti sulle news MilanCLICCA QUI <<

Come riporta oggi il Corriere dello Sport la società rossonera è attesa da una decisione strategica importante: i legali di Elliott Management stanno valutando se intervenire chiedendo un ricorso d’urgenza al TAS di Losanna, il tribunale arbitrario dello sport che già un anno fa rivoltò la sentenza UEFA ammettendo il Milan all’edizione 2018-2019 di Europa League.

In attesa del procedimento ufficiale, il Milan potrebbe chiedere tale ricorso che costringerebbe il TAS ad esprimersi in tempi brevi, entro 15-20 giorni, sulle sanzioni che spettano al club rossonero. In questo caso il quadro sarebbe più chiaro e il Milan potrà gestire con calma e programmazione il break-even di bilancio, ovvero i tempi per il rientro dei conti come richiesto dalla commissione di Nyon, anche se non è escluso che il TAS si pronunci contro la partecipazione del Milan alle coppe nel 2019-2020.

Al contrario, se i legali dovessero propendere per l’attesa, senza mettere fretta al TAS, la sentenza verrebbe emessa soltanto a luglio inoltrato, con la certezza a quel punto di partecipare all’Europa League ma anche col rischio di sanzioni economiche prolungate nel tempo: due da saldare nel 2020 ed un’altra nel 2021 visto il mancato rispetto dei paletti imposti dal FFP nel triennio 2015-2018.

 

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it