Gabbia sorprende in Bayern-Milan. Giampaolo: “Ci posso lavorare”

Ottima la prestazione di Gabbia in Bayern Monaco-Milan nella International Champions Cup. Mister Giampaolo è felice del difensore, che potrebbe essere una delle sorprese.

Matteo Gabbia e Alphonso Davies
Matteo Gabbia e Alphonso Davies (©Getty Images)

Il Milan è stato sconfitto dal Bayern Monaco nell’esordio nella International Champions Cup 2019. A Kansas City i ragazzi di Niko Kovac hanno avuto la meglio, vincendo per 1-0 grazie al gol di Leon Goretzka allo scadere del primo tempo.

Nonostante il k.o. non mancano spunti positivi, sia sul piano collettivo che dei singoli, per Marco Giampaolo. Una delle note migliori della partita è rappresentata sicuramente dalla prestazione di Matteo Gabbia. Il difensore centrale classe 1999 ha giocato al fianco di Ivan Strinic componendo una coppia insolita nella quale lui ha decisamente ben figurato.

Gabbia convince Giampaolo: il Milan rallenta la ricerca di un difensore?

Gabbia è stato autore di una prestazione molto attenta, ha giocato in maniera semplice e ha mostrato personalità. Considerando la sua poca esperienza e i rivali che aveva di fronte, non era affatto scontato vederlo così a proprio agio in campo. Eppure, il ragazzo ha sorpreso e la speranza e di vedergli fare altre prestazioni simili nelle prossime partite.

Ovviamente adesso è facile farsi prendere dall’entusiasmo e dire che con Gabbia la difesa del Milan è a posto. La verità è che il classe 1999 nato a Busto Arsizio è ancora inesperto e deve crescere tanto per giocare a certi livelli. Sicuramente la buona stagione in prestito alla Lucchese e il Mondiale Under 20 con l’Italia l’hanno aiutato a maturare. Ora in maglia rossonera sta cercando di meritarsi una conferma.

E’ presto per dire che al Milan non serva un altro difensore centrale, magari di esperienza e capace di completare un reparto che comunque oggi avrebbe solo tre elementi considerando lo stesso Gabbia, Romagnoli e Musacchio. Mattia Caldara dovrebbe rientrare verso ottobre-novembre, mentre Tiago Djalò (presente negli USA) potrebbe andare in prestito nelle prossime settimane.

Intanto Marco Giampaolo ha speso parole di elogio per Matteo dopo Bayern Monaco-Milan: «Ho notato subito che era un calciatore sul quale poter lavorare. Deve avere la costanza di stare sul pezzo, sono sicuro che qualcosa ci tiro fuori». Un attestato di stima importante da parte del mister, che crede nel ragazzo e proverà a tirare fuori il massimo anche da lui.

Milan, nuovo stadio: da Boeri agli americani, sfida tra archistar