Tonali: “Il Milan mi scartò quando avevo 8 anni”

Il giovane regista, spesso accostato ad Andrea Pirlo, ha rivelato che fu scartato dal Milan quando era bambino durante un provino

Tonali Sandro Brescia
Sandro Tonali (©Getty Images)

C’è un talento, nato nel 2000, che fa gola da tempo a tutte le big del nostro campionato. Si tratta di Sandro Tonali, centrocampista considerato un vero e proprio predestinato.

Il giovanissimo calciatore del Brescia è stato accostato a livello di rumors di calciomercato anche al Milan, squadra alla ricerca di rinforzi giovani e freschi in mezzo al campo. La prossima stagione però Tonali la giocherà con le Rondinelle senza ombra di dubbio.

Eppure, come rivelato dallo stesso Tonali in un’intervista pubblicata da Gazzetta.it, il diciannovenne è stato scartato quando era ancora un ragazzino promettente durante un provino con il Milan: “Vero, e più di una volta. Avevo 8 anni e giocavo in attacco. Delusione? No, perché poi sono andato al Piacenza”.

I talent-scout rossoneri evidentemente all’epoca non furono lungimiranti e si lasciarono sfuggire uno dei maggiori talenti di prospettiva del calcio italiano, che continua a stimare però il Milan ed il suo idolo, Rino Gattuso: “Tutti dicono che somiglio a Pirlo, colpa dei capelli, dovrò tagliarmeli. Ma Andrea è inarrivabile. Come Gerrard, il più dinamico o Modric, unico nello stile. Ma io mi rivedo in Gattuso”.

Ag. Demiral: “Resta alla Juventus”. Milan, tutto su Duarte